IL TUO CARRELLO


Il tuo carrello è vuoto

< MENU

EVENTI PASSATI


15 - 18 Aprile VINITALY 2018


20 Marzo 1968 50 ANNI DI DOC TORGIANO


18 - 20 marzo  PRO WEIN - DUSSELDORF


















28 - 29 Gennaio 2017 SANGIOVESE PUROSANGUE ROMA


10-12 Novembre SANGIOVESE PUROSANGUE


13/11/2016 MIRAL...VINO 2016




dal 3 al 7 Agosto 2016 NAZIONI A TAVOLA


Mercoledi 10 agosto ore 21.00 VINO E MUSICA AL BOCONDIVINO - LABRO(RI)


10 Agosto 2016 CALICI DI STELLE


dal 12 al 21 Agosto I VINARELLI - TORGIANO




VinitalyBio PAD. 8  -  POS. 51 VINITALYBIO - VERONA 10/13 APRILE


Montpellier 25-27 Gennaio  MILLESIMEBIO





Simon de Brion

La storia è quella di un Papa. Uno di quelli fuori dagli schemi e che scelse Perugia come casa. Martino IV, al secolo Simon de Brion, fu incoronato Papa a Orvieto il 23 marzo 1281 e trascorse l’ultima fase della sua vita a Perugia. Amante dei piaceri della buona tavola, la figura di Simon de Brion è stata resa immortale da Dante Alighieri, che nella Divina Commedia lo colloca tra i golosi nella sesta cornice del Purgatorio. Quale fu la colpa da espiare? Due irrefrenabili passioni: anguille di lago, annaffiate di una speciale ‘vernaccia’, ottenuta da uve di canajolo. Le stesse che oggi celebriamo in questo vino abboccato dalle note floreali e fruttate, ideale per concludere in solenne dolcezza ogni amichevole convivio.

The story is that of a Pope. One of those out of the line and who chose Perugia as his home. Martino IV, (Simon de Brion before being named Pope), was crowned Pope in Orvieto on March 23, 1281 and spent the last phase of his life in Perugia. Lover of the pleasures of the good table, Simon de Brion's figure was rendered immortal by Dante Alighieri, who in the Divine Comedy places him among the greedy in the sixth frame of the Purgatory. So what was the vice he had to atone for? His two unforgettable passions: lake eels, sprinkled with a special 'vernaccia', obtained from canajola grapes. The same ones we celebrate today in this wine full of floral and fruity notes, ideal for concluding in a solemn sweetness any friendly conviviality.